Clash of Civilizations Over an Elevator in Piazza Vittorio

Clash of Civilizations Over an Elevator in Piazza Vittorio

An investigation ensues and as each of the victim's neighbors is questioned, the reader is offered an all-access pass into the most colorful neighborhood in contemporary Rome.

Each character takes his or her turn center-stage, giving evidence, recounting his or her story the dramas of racial identity, the anxieties and misunderstandings born of a life spent on society's margins, the daily humiliations provoked by mainstream culture's fears and indifference, preconceptions and insensitivity.

Reviews of the Clash of Civilizations Over an Elevator in Piazza Vittorio

COME FARSI ALLATTARE DALLA LUPA SENZA CHE TI MORDA Roberto Citran, Francesco Pannofino, Isa Danieli, Milena Vukotic, Serra Yilmaz, Kesia Elwin alcuni degli interpreti principali del film omonimo diretto da Isotta Toso nel 2010. Il meccanismo del giallo aiuta Lakhous a raccontare una storia che sa essere tenera e romantica, anche a suo modo struggente e lirica (gli ululati di Amedeo sono la sua manifestazione lupesca del dolore e lo sconforto per la sua condizione di emigrato). Ma è probabilmente il meccanismo della commedia quello che aiuta di più Lakhous: perché il suo sguardo ironico racconta una storia che sa divertire, e far ridere, mentre fa riflettere. PS Peccato che dopo questo buon romanzo breve, Lakhous abbia abbandonato Gadda e Flaiano, e abbia adottato come nume protettore Lina Wertmüller: un modello che lo ha portato a un progressivo abbassamento della qualità della sua scrittura e della sua immaginazione.

Rating: 3.75* of five The Publisher Says: A compelling mix of social satire and murder mystery. A small culturally mixed community living in an apartment building in the center of Rome is thrown into disarray when one of the neighbors is murdered. You are in for a very sophisticated and layered short novel in which a murder is committed, but frankly no one really cares who did it because it needed doing, and the perp the police have identified is a community pillar. No one believes Amedeo committed this murder, which no one calls a crime. Amedeo steps out of the stories of ten people who all live in a small apartment building on Rome's tatty side, on the Piazza Vittorio. He's a fixer, a born organizer, he spends his time on this earth open to and listening for the truths under the stories his neighbors tell, the truths under the facts of Rome and Italian society, the truths that not very many people will bother to learn or, quite possibly, ever realize are there. The novel is told in the interviews the police take with all the residents of Amedeo's building. The translation is like the book description above, not uninteresting but nobody's idea of gonzo or balls-out writing. It's never going to convey the sense that the original can, of different regional voices, of different classes and different kind of Italian, because American English isn't that kind of language and American culture doesn't, at least at the level of culture where one finds readers of translated novels, like dialect writing because it's not Nice.

Ma dopo i fatti di cronaca che ruotano attorno alle violenze che si stanno moltiplicando nelle nostre città mi sembra che parlarne così non basti più. Spiegare che gli immigrati non sono tutti delinquenti, c'è chi lavora accanto a noi, si occupa dei nostri bambini e dei nostri vecchi, magari lasciando affidati ad altri i propri bambini e i propri vecchi.

Ten people with connections to the building are interviewed on the murder, mostly on the subject of one person they all have a link to who has disappeared, the man known as Amedeo. Each character has their own odd obsessions, loves and hates that fill up their time so they need not think about how desperately lonely they actually are, or face any bitter truth about themselves, what they were, or what life has made them become. These characters are all exiles of one sort or another- whether that be a country thousands of miles away, a town a few hours by train, a speaker of a slightly varying dialect- each draws the boundaries of home (of 'us' and 'them') with different, but no less firm lines. Amedeo's secret is that he seems to understand what it is that is most important to each of these people, what their 'home' centers around- and all he has to do is to not violate it or, desperately more important: not to mock it. The more important part being that no one tries very hard to understand each other- when a tentative hand is held out, you can be sure it will be slapped away- most often with defensive, not offensive attentions- the exile is insecure in his new surroundings and believes each person he meets means to make a fool of them.

Entrambi aprono una finestra sul problema dell'immigrazione, entrambi sono scritti in lingua italiana da due autori stranieri - algerino il primo, indiana la seconda - entrambi si svolgono quasi interamente in un condominio - a Roma l'uno, a Trieste l'altro - entrambi offrono uno spaccato della nostra bella Italia da un punto di vista diverso - quello di chi ha scelto (o subìto) di espatriare -, da entrambi è stato realizzato un film. Il romanzo di Amara Lakhous è più politico, più sociale, quello di Laila Wadia più intimista, il primo quasi grottesco nella sua esasperazione di difetti e inciviltà tipiche italiane (anzi peggio, romane!) il secondo forse più favola e buoni sentimenti, alla volemose bene direi, se non fosse ambientato a Trieste. È un romanzo pieno di poesia, in tutti i sensi, dal nome dalla via dedicata a Ungaretti, dalla città di Saba, dai momenti di condivisione di usanze e abitudini che vengono da lontano tra le quattro donne e le loro famiglie, e da una bella storia nella storia che non voglio svelare. Anzi, Amede', come lo chiama la maggior parte dei coinquilini, quello che ha sempre una parola o un gesto di aiuto per tutti quanti? In entrambi i romanzi, infine, c'è un colpo di scena che arriva da lontano, e forse questa poesia di Ungaretti li riunisce idealmente, perché c'è una bella differenza, com'è scritto da uno dei due autori, tra espatriare per scelta e farlo perché non c'è altra via di uscita, c'è proprio una bella differenza.

  • English

  • Fiction

  • Rating: 3.66
  • Pages: 131
  • Publish Date: September 30th 2008 by Europa Editions
  • Isbn10: 1933372613
  • Isbn13: 9781933372617